Ginecologia Olistica
Ginecologia e Medicina Olistica
Centro di Medicina Olistica Alvino

Via Italia, 102 - 84098 Pontecagnano (Sa)
Tel.: +39 347.1085917

Guida nutrizionale

La Medicina Olistica è la MEDICINA NATURALE rivolta alla cura della PERSONA NELLA SUA TOTALITÀ PSICOFISICA, non al SEMPLICE SINTOMO! La malattia è spesso la "punta di un iceberg": un DRENAGGIO NATURALE, tentativo di "reazione – difesa" per ELIMINARE TOSSINE e VELENI che ogni giorno introduciamo nel nostro organismo con i cibi, l’acqua e l’aria che respiriamo. Compito del medico è CAPIRE che cosa c’è dietro, NON ELIMINARE semplicemente il sintomo con un farmaco o un colpo di bisturi!

Evitare l’abuso dei farmaci chimici, prima causa di malattie croniche nel mondo, (antibiotici, antinfiammatori, antidolorifici, antidepressivi, anti – etc.), poiché FANNO ACCUMULARE LE TOSSINE nell'organismo predisponendolo alle malattie croniche e autoimmunitarie.

"Una corretta nutrizione ed un’attività fisica costante, sono le prime ed indispensabili medicine".

Bere il cibo, masticare l’acqua!

CONSIGLI PER UNA NUTRIZIONE CORRETTA.

NELLE FASI ACUTE DELLE PATOLOGIE, OCCORRE EFFETTUARE UNA DIETA ALCALINIZZANTE, EVITARE I CIBI CON ALTO INDICE ACIDIFICANTE PRAL (Potential Renal Acid Load). L’ACIDITÀ favorisce la cronicizzazione di tutte le patologie!

I cibi con più alto indice PRAL da evitare sono:

  • Carne di manzo, vitello, maiale, agnello, coniglio, cervo, anatra, insaccati, prosciutto (PRAL circa 10). In particolare il fegato (PRAL 16,6)
  • Pesce: caviale, tonno, salmone, sgombro, trota (PRAL circa 10)
  • Tuorlo d’uovo (PRAL 23,4 !)
  • Sottiletta (25,9), parmigiano (24,7), fontina (21,4).

Cibi con ALTISSIMO PRAL: cotoletta di manzo (38,2), fegato di vitello (38), roastbeef (27,4), cotoletta di maiale (24,2), di vitello (22), polpette (19,1), pollo arrosto (25,2), omelette (22,1).

AL CONTRARIO MANGIARE SEMPRE, A PRANZO E CENA, ALIMENTI CON INDICE PRAL NEGATIVO, ALCALINIZZANTI (CIBI CHE ELIMINANO LE SOSTANZE ACIDE TOSSICHE e permettono una buona ossigenazione cellulare):

  • Frutta , verdura e legumi. Ad esempio prezzemolo (PRAL -15,5), finocchi (-9,7), spinaci (-12), banana (-7,4), mela (-3,5), carote (-5,1) , minestrone con patate (-17), etc.

Per prevenire le malattie metaboliche:

  • evitare eccessivo consumo di grassi saturi e proteine d’origine animale (burro, strutto, lardo, latticini, uova, carne rossa, insaccati). In caso di patologie allergiche ed autoimmuni (artrite reumatoide, lupus, tiroiditi etc.), evitare, in particolare, carne di maiale e derivati (salumi).
  • EVITARE COMPLETAMENTE IL LATTE DI MUCCA (anche quello scremato!): è immunologicamente incompatibile con l’essere umano, responsabile della maggior parte delle patologie gastro – intestinali (coliti e gastriti croniche) e delle vie genitourinarie (vaginiti, cistiti, prostatiti croniche).
  • evitare cibi conservati in scatola, con carta argentata e di alluminio, trattati con coloranti, cotti alla griglia, fritti o con forno a microonde. Meglio cucinare al vapore.
  • In caso di PROBLEMI GASTRO – INTESTINALI e patologie croniche EVITARE PANE E PASTA CON GLUTINE (sostituire con farine di mais, riso, grano saraceno e integrali),
  • evitare Zucchero, PANE, PASTA e sale raffinato (MANGIARE CIBI INTEGRALI). NO SALE IODATO (è tossico per la tiroide!!) solo sale integrale marino. NO olio di palma (troppi grassi cattivi).
  • evitare alcolici, fumo, eccesso di caffè, dolci, cioccolata, NUTELLA, COCA COLA, bevande gasate, ad alto residuo fisso, in lattine o plastica,eccessive vaccinazioni: possono danneggiare il sistema immunitario (praticare al massimo solo quelle obbligatorie). Evitare dentifricio con il FLUORO.
  • evitare di mangiare spesso pesci di grossa taglia (contengono metalli pesanti come il mercurio), preferire alici e salmone fresco.
  • evitare l'uso frequente d’insetticidi e antiparassitari, cosmetici, shampoo, saponi schiumogeni di natura chimica, derivati dal petrolio (PARABENI) o contenenti metalli pesanti (cadmio, piombo, cromo, mercurio, alluminio, fluoro, amianto), detersivi, lucidi da scarpe, etc.

CONSIGLIATO

  • cibi di origine integrale (pane, pasta, riso, etc.), variare gli alimenti nella giornata e nella settimana
  • svolgere attività fisica costante (1 ora almeno 3 vv a settimana, passeggiate salubri, andatura discretamente sostenuta, a secondo dei casi)
  • mangiare nella giornata, almeno due porzioni di verdura e frutta (nell'intervallo dei pasti)
  • condire con olio extravergine d’oliva, olio di lino ed olio di girasole premuti a freddo (usarli tutti e tre insieme, in modo da apportare nel giusto equilibrio gli acidi grassi "buoni")
  • ½ bicchiere di vino rosso a pranzo e cena, semi-digiuni periodici (terapia naturale drenante).

Curare i disturbi dell'alvo ed intestino (disbiosi madre di tutte le malattie croniche).

Corpo ed anima si "ammalano e guariscono" sempre insieme!

Quando ci si ammala frequentemente (patologie croniche, ansia, depressione), c’è, spesso, un motivo profondo (conflitto) che ferisce l’anima ed impedisce il Sistema Immunitario di funzionare bene. Liberarsi dai vecchi conflitti, capendo e "digerendo" le false credenze, dai condizionamenti consumistici, pensieri ossessivi (odio - vendetta) e riappropriarsi del proprio "progetto di vita", è il primo passo verso la guarigione.

Esempio di SCHEMA DIETETICO per cura e prevenzione malattie croniche

COLAZIONE MATTINO

Cereali integrali, frutta fresca (di stagione), tisane (tè verde), latte d’avena, riso, mandorle, etc.) o caffè d’orzo, marmellata biologica o un po’ di miele con qualche fetta biscottata integrale.

SPUNTINO METÀ MATTINA

Premute o frutta fresca intera.

PRANZO

Pasta o pane o riso integrale, oppure di farine di mais, grano saraceno, quinoa, farro, castagne, canapa, etc.. Legumi (non sempre). Verdura cotta o cruda a volontà condire con olio extravergine d’oliva, olio di lino ed olio di girasole premuti a freddo, senza sale. Max 1 bicchiere di vino. Frutta secca, in piccola quantità (noci, mandorle, nocciole, etc.)

SPUNTINO POMERIGGIO

Tisana con un biscotto integrale oppure frutta fresca CENA Pesce azzurro (o salmone non affumicato, non allevamento) o carni bianche biologiche (pollo, coniglio, faraona, ecc.): una volta a settimana. In alternativa: uova o formaggi (preferibilmente di capra o di pecora): non più di una volta a settimana oppure ortaggi e legumi. Verdura a volontà con olio extravergine di oliva.

N.B.: variare tutti i "colori" di frutta e verdura esistenti in natura. La qualità e la quantità del cibo (calorie) devono essere proporzionate all'attività psico -fisica svolta durante la giornata e alle caratteristiche individuali.

In caso di PATOLOGIE CRONICHE DEGENERATIVE si consiglia DIETA VEGETARIANA O VEGANA alcalinizzante. Tisana al limone-bicarbonato-magnesio cloruro a sere alterne per lungo tempo.

Vietata la riproduzione e la diffusione non autorizzata, copyright G. Alvino.

Dr. Giovanni Alvino
MD Ginecologia e Ostetricia
Azienda Ospedaliera
Università Salerno

17/04/2017

Condividi questo articolo